La Mercorella

La Mercorella (Mercurialis annua) è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Euphorbiaceae e diffusa un su tutto il territorio italiano, fino a un’altitudine di 500 metri. È anche nota, nei vari dialetti, sotto i nomi di “erba strega”, “mocajola”, “garzanaela” e “pusuncella”.
Da un punto d vista morfologico, presenta un fusto piuttosto ramificato, da cui si dipartono foglie di colore verde scuro, opposte e seghettate, di forma ovoidale.
I fiori, di colore verdognolo, possono essere riuniti in spighe o solitari. La fioritura avviene dal mese di aprile a quello di novembre. L’odore è nauseabondo, mentre il sapore è amarognolo.
Le proprietà curative della mercorella erano note già agli antichi. In particolare, Dioscoride era convinto che il decotto della pianta maschio potesse facilitare la nascita di figli maschi e quella femmina favorisse la nascita di figlie femmine.


Mercorella: Principi Attivi e Proprietà Terapeutiche

Costituenti la pianta di mercorella sono un olio essenziale, un principio amaro, un glucoside flavonoico, sali di potassio, un alcaloide (mercurialina) e saponine.
Generalmente, nelle pratiche fitoterapiche si utilizza l’intera pianta, ad eccezione della radice. Per preservare le virtù medicamentose della mercorella è importante ricordarsi di metterla ad essiccare immediatamente dopo averla colta.

Anticamente, si credeva che la mercorella avesse per lo più proprietà ginecologiche. Oggi è accertato che la pianta ha principalmente qualità diuretiche, galattofughe e, soprattutto, purgative, il che la rende un ottimo rimedio in caso di disturbi legati all’allattamento, alla menopausa e all’intestino.


Mercorella: Decotto e Controindicazioni

Se soffrite di stipsi potrebbe esservi utile un decotto a base di mercorella. Per prepararlo, vi basterà procurarvi 20 grammi di foglie, che dovrete far bollire per circa 3 minuti in 1 litro di acqua. Trascorso il tempo necessario, filtrate e attendete che si intiepidisca. Per rendere il decotto più efficace, è opportuno non zuccherarlo.
La mercorella è una tisana potenzialmente tossica. È dunque importante evitarne l’assunzione in gravidanza e durante l’allattamento. Negli altri casi, è comunque necessario chiedere un consulto al proprio medico di famiglia.



Iscriviti alla newsletter!
E-Mail:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *