La Centaurea Minore

Diffusa nelle zone marittime e montane fino a un’altitudine di 1400 metri, la Centaurea Minore (Erythraea centaurium) è un’erba perenne che appartiene alla famiglia delle Genzianacee.
Presenta un fusto glabro e sottile, foglie color verde chiaro e fiori ombrelliformi di colore rosa pallido. La fioritura avviene nei mesi estivi, da giugno a settembre. Ha un sapore abbastanza acre.
Conosciuta sin dall’antichità per le sue proprietà febbrifughe, la centaurea minore è nota anche ai cultori della mitologia. La pianta, infatti, è celebre per esser stata impiegata dal centauro Chirone per guarire il piede ferito di Ercole.


Centaurea Minore: Principi Attivi e Proprietà Terapeutiche

Tra i costituenti della centaurea minore possiamo annoverare flavonoidi, triterpeni, steroli e acidi fenolici. In fitoterapia vengono adoperati i fusti e le sommità fiorite. Queste ultime vanno raccolte tra giugno e agosto e fatte essiccare in un luogo ventilato.
La centaurea minore ha proprietà carminative, febbrifughe, depurative, stomachiche, aperitive, toniche, vermifughe e coleretiche. Tali virtù ne fanno un toccasana contro diarrea, febbre e patologie intestinali. Questa pianta viene altresì impiegata come rimedio alle piaghe, nei casi di convalescenza da lunghe malattie e per curare inestetismi del cuoio capelluto.


Centaurea Minore: Infuso e Decotto

Se cercate un buon rimedio contro le patologie intestinali, preparate un infuso a base di centaurea minore. Procuratevi delle parti di fusto e delle sommità fiorite e lasciatene in infusione un cucchiaio circa in una tazza di acqua bollente. Fate raffreddare e bevetene mezzo bicchiere prima dei pasti principali.
In caso di problemi della pelle come eczemi, erpes e dermatiti, preparate un decotto da utilizzare solo esternamente. Fate bollire 50 grammi di sommità fiorite in 1 litro di acqua. Il decotto sarà pronto quando il liquido si sarà ridotto di circa il 20%. Fate raffreddare e, con un panno di cotone imbevuto, provvedete a curare la zona infetta.
La centaurea minore non presenta particolari controindicazioni se non nei pazienti soggetti a iperacidità di stomaco.



Iscriviti alla newsletter!
E-Mail:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *