Cannella, un valido aiuto contro la sindrome dell’ovaio policistico

La Sindrome dell’Ovaio Policistico, conosciuta anche con l’acronimo “PCOS” (PolyCystic Ovary Syndrome) è una patologia di natura endocrina e metabolica a causa della quale dal 5 al 10% di donne soffre di irregolarità mestruale e sterilità. La sintomatologia è decisamente varia. Tra le pazienti affette da PCOS si possono riscontrare, tra gli altri, casi di alopecia, dermatite seborroica, obesità, apnea del sonno e iperinsulinemia. A questi sintomi si aggiungono oligomenorrea o amenorrea e, nelle pazienti più gravi, anovulazione cronica (infertilità). Esistono diversi rimedi contro la sindrome dell’ovaio polistico. Tali rimedi vanno dal miglioramento dello stile di vita all’introduzione di acido folico (vitamina B9) nella dieta.


Uno studio scientifico condotto a New York da un team di ricercatori del Columbia University Medical Center e presentato al meeting dell’International Federation of Fertility Societies and American Society for Reproductive Medicine di Boston (12-17 ottobre 2013) ha recentemente dimostrato come la cannella (Cinnamomum zeylanicum) costituisca un valido aiuto contro questa sempre più diffusa disfunzione femminile.

La ricerca è stata effettuata su un gruppo di donne affette da PCOS alle quali sono stati somministrati degli integratori a base di cannella. Al termine della cura, durata sei mesi, è stato riscontrato un significativo miglioramento nei termini di una ritrovata regolarità mestruale. Nei tre mesi successivi all’inizio della cura sono anche state rilevate due gravidanze naturali.
Un secondo gruppo di donne al quale, invece, era stato distribuito un semplice placebo, non ha subito alcuna modifica nella condizione patologica.
La sindrome dell’ovaio policistico è una delle cause più comuni dell’irregolarità del ciclo mestruale nelle donne“, ha spiegato il dottor Daniel Kort, autore principale dello studio, “ma le conseguenze cliniche più avanti nella vita sono veramente grandi: da un aumento del rischio di diabete e intolleranza al glucosio al cancro dell’endometrio. Molte donne possono andare avanti tutta la vita senza cicli mestruali regolari, e non si preoccupano necessariamente di questo problema fino a che non vogliono avere bambini”.


Integratori a base di cannella, come ha dimostrato la ricerca, potrebbero dunque non soltanto ridurre il rischio di infertilità ma anche migliorare sensibilmente la vita delle pazienti. Non si hanno ancora notizie certe sul perché la pianta asiatica, utilizzata comunemente come spezia, costituisca un ausilio nella cura contro la sindrome dell’ovaio policistico. Per adesso, lo studio si è limitato a provarne l’efficacia.
A tale comprovata efficacia occorre aggiungere, infine, il fatto che si tratta di un rimedio non soltanto del tutto naturale, ma anche semplice ed economico che, come spiega ancora il dottor Kort, “può aiutare un grande numero di pazienti”.



Iscriviti alla newsletter!
E-Mail:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *