Il Crescione

Cresione

Cresione

Il Crescione (Nasturtium officinale) è una pianta acquatica appartenente alla famiglia delle Crocifere. Diffusa nei corsi d’acqua e nei ruscelli di tutta Europa fino ad un’altitudine di 2000 m, è una pianta perenne caratterizzata da un odore acre e un sapore piccante. All’aspetto presenta un fusto tondo e carnoso, foglie di color verde scuro e fiori piccoli e bianchi.
Il crescione è una pianta commestibile utilizzata in cucina nella preparazione di insalate. In fitoterapia, vengono adoperate principalmente le foglie che vanno colte nel periodo di fioritura (maggio-settembre).
Il nome della pianta deriva dal latino (nasus tortus) e significa “naso storto”: di certo un riferimento all’odore della pianta, così pungente da far storcere il naso.



Crescione: Principi Attivi e Proprietà Terapeutiche

Il crescione è ricco di sali minerali e di vitamine, il che ne fa una delle piante medicamentose più utilizzate nella pratica fitoterapica. La presenza di iodio, ferro, fosfati, calcio, glucoside solforato e vitamine A, B2, C, E e PP, fa sì che questa pianta venga ampiamente adoperata per favorire i processi legati alla digestione.
Il crescione ha proprietà depurative, disintossicanti, antitabagiche, dietetiche, diuretiche, antiscorbutiche, digestive, detersive, febbrifughe e corroboranti. L’essiccazione o la cottura provocano una quasi totale perdita delle qualità curative; è raccomandabile, dunque, consumare le foglie a crudo e appena colte.
Il crescione viene altresì impiegato come espettorante ed è un ottimo rimedio nei casi di infezione delle vie urinarie.
In campo cosmetico, il crescione viene adoperato per prevenire la secchezza e l’arrossamento della pelle e come balsamo per lenire le scottature solari.



Crescione: Infuso e Decotto

L’infuso di crescione può essere un valido rimedio contro le bronchiti e il catarro. Per prepararlo, mettete in infusione un cucchiaio di foglie fresche in un bicchiere di acqua fredda. Si consiglia di berne un bicchiere al giorno prima dei pasti, fino alla sparizione dei sintomi.
Il decotto di crescione è, invece, un efficace alleato contro lo scorbuto e, in generale, la carenza di vitamine. Procuratevi 10 grammi di foglie appena colte e fatele bollire per qualche minuto in 200 grammi di acqua. Il preparato va preso in un unico giorno, un po’ alla volta, aggiungendovi del succo di limone o di arancia.
In particolari circostanze, il crescione può causare infiammazioni alla vescica. In tal caso è necessario interrompere immediatamente la somministrazione.



Iscriviti alla newsletter!
E-Mail:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *