La Centella Asiatica

Centella Asiatica

Centella Asiatica

La Centella Asiatica è una pianta erbacea perenne originaria delle regioni tropicali e subtropicali (India, Indonesia, Madagascar, Brasile, Venezuela) che cresce in zone umide e paludose.
In India viene detta “erba delle tigri” perché è ritenuta dotata di azione energizzante e capace di potenziare la forza fisica.

I principi attivi contenuti in questa pianta officinale sono flavonoidi, tannini, triterpeni e un olio essenziale chiamato “vellarina”.

La centella asiatica viene usata in primo luogo come rimedio naturale contro l’insufficienza venosa cronica degli arti inferiori. Diversi studi clinici hanno dimostrato che questa pianta migliora la circolazione venosa perché è in grado di stimolare la sintesi dei fibroblasti, cellule che sintetizzano il collagene, essenziale per la tonicità della parete dei vasi venosi.



Essendo capace di migliorare la circolazione sanguigna a livello degli arti inferiori, la centella asiatica rappresenta un rimedio ottimale in caso di gonfiore e senso di pesantezza alle gambe, crampi notturni o formicolio.

Alcuni dei flavonoidi contenuti in questa pianta, come le quercetina, insieme ai tannini, svolgono azione benefica sul tessuto connettivo, rendendo la centella asiatica utile per prevenire e ridurre la cellulite, soprattutto se utilizzata in associazione con altre sostanze naturali dotate di proprietà diuretica, come il tarassaco o la linfa di betulla.

Inoltre, questa pianta è dotata di una buona azione cicatrizzante, dal momento che stimola l’endotelio e favorisce la riparazione dei tessuti e la riepitelizzazione. Pertanto, è indicata per rendere più rapido il processo di cicatrizzazione di ferite e piaghe e per alleviare il bruciore causato dalle ustioni.
Infine, la centella viene consigliata anche per lenire i dolori in caso di ulcere, ragadi ed emorroidi.



La centella asiatica è disponibile in erboristeria sotto forma di polvere, tintura madre, capsule ed estratto secco.
Il trattamento con prodotti fitoterapici a base di centella è controindicato durante l’allattamento e la gravidanza. Dosi elevate di questa sostanza possono provocare cefalea.
Inoltre, gli estratti idroalcolici o gli estratti secchi di centella potrebbero avere effetti collaterali sul sistema nervoso centrale e presentare interazioni con farmaci quali benzodiazepine e antidepressivi.



Iscriviti alla newsletter!
E-Mail:

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *