Le proprietà curative delle spezie

spezie

Oggi come oggi le spezie sono usate in tutto il mondo per condire e migliorare il sapore degli alimenti. Tuttavia in pochi sanno che oltre al buon aroma le spezie hanno anche molteplici proprietà curative: facilitano la digestione, aumentano la produzione di globuli bianchi, migliorano la circolazione, hanno proprietà afrodisiache, stimolano la risposta del sistema immunitario, sono disintossicanti e sono ottimi antiossidanti. La ricerca conferma la saggezza degli antichi orientali! Alcune spezie come la cannella contengono delle sostanze molto simili all’insulina e quindi indicate per i diabetici.



Mercato delle Spezie

Mercato delle Spezie

Lo Zafferano: E’ una spezia molto pregiata; per ottenere un chilo di zafferano serve una persona che lavori per due settimane e 100.000 fiori.
Ha un sapore molto gradevole e intenso e per questo motivo ne basta veramente poco per insaporire gli alimenti.E’ molto ricco in Vitamina B2 (riboflavina).

In quanto alle sue virtù curative, è una spezia efficace per vincere l’inappetenza, aiuta a digerire bene. Gli vengono attribuite proprietà che aiutano a ridurre il colesterolo e antispasmodiche.
Usato esternamente aiuterebbe nelle gengiviti e altri disturbi a denti e gengive.

La Noce Moscata: Molto usata per combattere l’insonnia. Ha effetto calmante sul sistema nervoso e per questo aiuta a prendere sonno e a mantenerlo.
Risulta essere d’aiuto come digestivo e contro nausea, vomito e diarrea.



La cannella: Secondo alcuni studi la cannella aiuterebbe a mantenere sotto controllo il livello di glucosio nel sangue. Una sperimentazione su volontari affetti da Diabete di tipo II ha dimostrato che i pazienti che assumevano alimenti con differenti dosi di cannella riuscivano a ridurre il livello di glucosio nel sangue dal 20% fino a livelli regolari.

La Vaniglia: La Vaniglia è un eccellente aromatizzante. Si dimostra molto efficace per favorire la digestione ed alleviare vomito e nausea.



Iscriviti alla newsletter!
E-Mail:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *