Combattere l’ansia

Melissa Officinalis

Melissa Officinalis

Esistono piante medicinali capaci di aiutarci ad alleviare l’ansia e lo stress, i due grandi mali del nostro tempo. Il principio d’azione si basa sulla loro capacità di rilassare, calmare e restituire equilibrio.
La Melissa è una delle piante migliori per combattere l’ansia; oltre che per curare i problemi da lei derivati come per esempio problemi di digestione.



Melissa Officinalis

Melissa Officinalis

Per curare l’ansia e l’eccessiva eccitazione nervosa, la melissa è sicuramente ottimale. Ma non è la sola! La natura ci dona una vasta varietà di piante medicina per curare l’ansia quali: l’anice, il papavero, la valeriana officinalis, la lavanda, la camomilla o la menta.

L’ansia si manifesta attraverso la sudorazione, tremori o palpitazioni. Lo stato ansioso è vissuto dall’individuo con paura e si accompagna da insonnia, irritabilità, nervosismo, agitazione e paura. Quando l’ansia si acutizza, possono comparire altri problemi di natura fisiologica come le nausee, cefalee, vampate di calore e affanno.

L’Ansia e la Melissa

La Melissa officinalis (o Erba cedrina o Cedronella o semplicemente Melissa) è una pianta officinale originaria dell’Europa meridionale. Conosciuta e usata da centinaia di anni. Già al tempo dell’Antica Grecia era usata per placare il dolore fisico e il malessrere mentale.
I principi attivi contenuti nella pianta della melissa sono: tannini, olii essenziali, resina e acido gallico che esercitano sull’organismo umano un’azione sedativa e calmante. Viene solitamente usata sotto forma di infuso.
Le sostanze curative della melissa si trovano principalmente nei fiori e nelle foglie.



Un’altra pianta medicinale molto utile per calmare il nervosismo e l’ansia è la menta. Preparare un infuso di menta è molto semplice: si mette a bollire dell’acqua con delle foglie fresche di menta. Si filtra il tutto e si lascia raffreddare. Da assumere dopo i pasti.

Leggi un completo articolo sull’ Ansia
Lo Stress



Iscriviti alla newsletter!
E-Mail:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *